seguici su Facebook seguici su Twitter canale YouTube

News / Calcio e salute
Alcol, tabacco e canapa nel dialogo genitori-figli
27.8.2013

Anche quando i figli crescono e diventano adolescenti, mamma e papà restano le loro principali persone di riferimento. Affinché i ragazzi possano crescere in modo sano, i genitori devono continuare a mostrare interesse per quello che fanno i figli e mantenere un dialogo aperto con loro. Fissare regole chiare e fungere da modelli è fondamentale per insegnare agli adolescenti ad avere un rapporto responsabile con le sostanze che danno dipendenza. Dipendenze Svizzera offre sostegno ai genitori, mettendo a loro disposizione tutta una serie di informazioni utili.

Quest’estate è stata pubblicata la seconda lettera ai genitori di Dipendenze Svizzera per il 2013. In questa edizione della newsletter si spiega perché è importantissimo che genitori e figli si parlino apertamente non solo quando sorgono delle difficoltà, ma sempre, in modo da prevenire i problemi.

 La comunicazione come prevenzione

L’importanza di un dialogo aperto risulta evidente soprattutto quando si parla del consumo di tabacco e alcol. Da diversi studi emerge, per esempio, che i giovani i cui genitori si interessano a come i figli trascorrono il loro tempo libero bevono meno di quelli i cui genitori sono meno informati. A volte è difficile parlare di certi argomenti, e ci vuole pazienza. Può comunque aiutare i genitori sapere che gli adolescenti desiderano che papà e mamma si interessino a quello che fanno, che vogliano sapere con chi si vedono, e anche che chiedano loro se hanno già fumato o se bevono alcol. Per i genitori è utile sapere che fissare regole chiare dà ai ragazzi dei paletti in base ai quali orientarsi.

 L’impegno pluriennale di Dipendenze Svizzera

Puntando l’obiettivo su una questione specifica legata al consumo di alcol, tabacco, sostanze illegali o a un tema di carattere educativo, le lettere ai genitori vogliono attirare l’attenzione su temi importanti. A volte, infatti, i genitori possono sentirsi sopraffatti dal loro ruolo di educatori. Dipendenze Svizzera intende quindi ricordare loro che hanno a disposizione tutta una serie di materiali informativi.

Da anni Dipendenze Svizzera si impegna per sostenere i genitori nel loro ruolo di educatori, mettendo l’attenzione sulle loro possibilità di influenzare positivamente lo sviluppo dei figli, soprattutto per quanto riguarda il consumo di sostanze e i comportamenti che possono diventare problematici o trasformarsi in dipendenze.

 Un’ampia offerta per genitori e specialisti

Come aiutare i genitori a parlare con i figli adolescenti di sostanze o comportamenti molto diffusi ma non per questo innocui, come il fumo, l’alcol e la canapa, ma anche l’uso di internet e dei cosiddetti nuovi media? È proprio questo lo scopo di una serie di opuscoli che contengono informazioni complete e spunti interessanti.

Otto lettere ai genitori esulano da questi temi legati alle dipendenze e trattano altri argomenti, che spesso preoccupano i genitori degli adolescenti. Per esempio: come fisso i limiti? Come devo reagire se mia figlia non li rispetta? Che rischi corre mio figlio? Come posso aiutarlo a valutare i rischi e a proteggersi? Non da ultimo, Dipendenze Svizzera mette a disposizione un servizio di consulenza per dare un primo aiuto ai genitori in difficoltà e, se necessario, fornire loro i recapiti delle offerte disponibili nella loro zona.

 Un impegno ancora maggiore

Dipendenze Svizzera ha analizzato la situazione e ha passato in rassegna la letteratura su questo argomento: è emerso che finora le offerte preventive hanno raggiunto solo marginalmente le famiglie socialmente svantaggiate. Dipendenze Svizzera ha quindi deciso di elaborare un programma di prevenzione per colmare, almeno in parte, questa lacuna. Attualmente sta conducendo, insieme ad un’organizzazione partner, un sondaggio tra le famiglie monoparentali. Sulla base dei risultati di tale indagine, verrà poi elaborata un’offerta, che tenga conto dei fattori di successo riconosciuti a livello internazionale e corrisponda il più possibile alle necessità dei genitori. In seguito, questo programma di prevenzione verrà messo in pratica e se ne valuterà l’efficacia. Questo ulteriore sforzo di Dipendenze Svizzera è sostenuto finanziariamente dal Programma nazionale Alcol PNA.

 Sito di Dipendenze Svizzera, target „genitori“ (disponibile in tedesco e francese): http://www.suchtschweiz.ch/no_cache/themen/zielpublikum/eltern/

Qui trovate anche le precedenti newsletter e potete abbonarvi a quelle future.

 Documentazione informativa e materiale pedagogico: http://www.suchtschweiz.ch/infomaterialien/paedagogisches-material/eltern/

 Servizio di consulenza: 021 321 29 76 (orari d’ufficio) o per email a: praevention@suchtschweiz.ch„A domanda risponde“ (disponibile in tedesco e francese):http://www.suchtschweiz.ch/no_cache/rat-und-hilfe/fragen-antworten/

 

23.03.2015

I giovani fumano e bevono meno

07.07.2014

Niente alcol se fai il bagno

21.01.2014

Nuove avventure di Tina e Toni

17.12.2013

Feste di fine anno, bambini e  alcol

02.12.2013

Calciatore salvato dal defibrillatore

17.09.2013

Nuova legge sull'alcol: appello a Berna

09.09.2013

Dipendenze: pieghevoli in undici lingue

27.08.2013

Alcol, tabacco e canapa nel dialogo genitori-figli

13.05.2013

Consulenza alle famiglia sulle dipendenze

App1
ASF
Prima Lega
Lega Amatori
App2
SWISSLOS
BANCASTATO
AMAG
App3
ASSIMEDIA
ACERBIS
DNB
ARL
App4
STARBENE SUISSE
SIXTUS
CALCIOREGIONALE
© 2019 Federazione Ticinese Calcio - Tutti i diritti riservati
Tel.: +41 (0)91 857 01 31 - ftc@football.ch